Numero Verde: 800262226

 
 

Tiroide e caduta dei capelli. Ecco cosa c’è da sapere.



Elemento grafico

 

Tiroide e caduta dei capelli. Ecco cosa c’è da sapere.

 

Uno dei problemi che un essere umano fa sempre fatica ad affrontare, uomo o donna che sia, è la caduta dei capelli. Questa difficile situazione può diventare a volte un vero e proprio dramma, che porta le persone a volersi nascondere e a non riuscire più a vivere serenamente la propria esistenza.

Le cause che possono provocare la caduta dei capelli possono essere svariate: un forte stress emotivo, un disagio psicologico, l'utilizzo di prodotti per capelli di bassa qualità o l'uso eccessivo di tinte e stirature, dermatiti molto estese, la reazione alla somministrazione di farmaci o cure per malattie importanti, quali ad esempio la chemioterapia. Non tutti sanno, però, che in alcuni casi il colpevole della caduta dei capelli può essere la tiroide.


Connessione tra tiroide e perdita dei capelli

La tiroide, è ormai noto, è quella piccola ghiandola endocrina a forma di farfalla, posizionata sulla parte bassa del collo, che attraverso la sua produzione di ormoni è in grado di regolare diverse funzioni del nostro corpo, da quelle metaboliche, a quelle sul sistema circolatorio e sull'apparato riproduttivo.

Si tratta, dunque, di una ghiandola fondamentale e molto importante per il nostro benessere, il cui mal funzionamento o una semplice alterazione subclinica potrebbe provocare dei disturbi sostanziali alla nostra esistenza. In alcuni casi, la caduta dei capelli potrebbe essere appunto il campanello di allarme che ci comunica una disfunzione tiroidea.

Il principale ormone della tiroide - la tiroxina - contribuisce alla crescita dei capelli e allo sviluppo dei follicoli piliferi, ossia di quelle piccole sacche affondate nella pelle che avvolgono la radice dei capelli. È abbastanza chiaro, dunque, che nei casi in cui la tiroide presenti qualche particolare patologia e non riesca a produrre la giusta quantità di ormoni, questa alterazione possa ripercuotersi in modo molto negativo su tutto il cuoio capelluto.


Le disfunzioni della tiroide

I disturbi più frequenti che si riscontrano a livello tiroideo sono principalmente due: l'ipertiroidismo (quando la tiroide produce troppi ormoni rispetto a quelli necessari) e l'ipotiroidismo (quando la tiroide produce pochi ormoni rispetto a quelli necessari). In entrambi i casi, sia che gli ormoni siano in eccesso sia che essi siano in difetto, all'interno del nostro corpo si presentano delle anomalie che possono portare alla situazione di telogen effluvium.

L'effluvio telogenico, diagnosticato per la prima volta nel 1961, si ha quando il capello entra nella fase di riposo troppo presto rispetto a quello che sarebbe il suo naturale ciclo vitale e può procurare in tempi piuttosto rapidi - a volte anche in soli due mesi - la caduta fino al 70% dei capelli che si trovano sul cuoio capelluto di un individuo.


Le malattie della tiroide

Le patologie a carico della tiroide possono essere diverse e non sempre chi ne soffre riesce immediatamente a riconoscerle. Alcune delle più note sono la malattia di Hashimoto, che causa ad esempio un ipotiroidismo di natura autoimmune, o quella di Graves che al contrario provoca un ipertiroidismo. Quando il nostro corpo subisce questi scompensi ormonali è molto facile che, associati ad altri sintomi, si possa riscontrare una modificazione della funzionalità delle ghiandole che producono grasso (ghiandole sebacee) a cui fa seguito l'improvvisa caduta dei capelli che diventano molto fragili, opachi e secchi, a dimostrazione che qualcosa nel nostro organismo non sta più funzionando bene come dovrebbe.

La correlazione, dunque, fra problemi di funzionamento della tiroide e caduta dei capelli risulta essere diretta e facilmente diagnosticabile. Come è già stato detto, è indubbio che la perdita dei capelli possa essere dovuta anche a cause estranee alla tiroide, ma effettuare analisi mirate su di essa potrebbe essere sicuramente di aiuto per circoscrivere gli altri eventuali fattori.


L'importanza della diagnosi

Se state soffrendo di caduta dei capelli e, contemporaneamente, riscontrate altri sintomi che vi possano far pensare ad un cattivo funzionamento della vostra tiroide, sarebbe bene sottoporsi ad analisi complete, per monitorare le condizioni e l’attività della vostra ghiandola tiroidea.

In caso di qualche alterazione o vera e propria patologia, il medico specialista potrà valutare sia il quadro ormonale che quello nutrizionale e vi sottoporrà a cure specifiche, alcune più semplici, ad esempio con integratori, altri con farmaci in grado di controllare la produzione di ormoni tiroidei. Allo stesso tempo, seguire una sana alimentazione, bere molta acqua, evitare le fonti di stress ed effettuare terapie anti caduta, contribuiranno a controllare i sintomi causati dai problemi alla tiroide.

 


Elemento grafico



Compila il form ed inviaci la tua richiesta
Tutti i campi sono obbligatori
 
Whatsapp