Numero Verde: 800262226

 
 

Micro-Autotrapianto


Elemento grafico

 

Cos’è la FUT (Follicolar Unit Transplantation)?
Tale metodica ormai codificata, consiste nel prelievo di follicoli piliferi da un’area del cuoio capelluto non ancora colpita dalla caduta androgenetica e nel successivo inserimento degli stessi nella zona calva o diradata. I capelli trapiantati cresceranno normalmente per tutta la vita, non richiedendo nessun altra cura se non l’ordinario lavaggio e il periodico accorciamento. Sperimentata da anni con esiti eccellenti grazie al continuo aggiornamento e all’applicazione di metodiche all’avanguardia, viene eseguita da medici chirurghi altamente specializzati ed équipe medica altrettanto qualificata per rendere il più confortevole possibile ogni fase pre e post−operatoria. Il micro−autotrapianto ha garantito una piena soddisfazione di coloro che l’hanno utilizzato e risolve la mancanza dei capelli in maniera sicura, efficace e naturale. L’intervento, nello specifico, viene eseguito in anestesia locale associata ad una blanda sedazione. Si preleva dapprima una striscia di cuoio capelluto, dalle regioni posteriore e/o laterali del capo, che verrà ulteriormente separata in "unità follicolari" contenenti un numero di capelli generalmente variabile da 1 a 3. Per fare questo tipo di prelievo non è necessario rasare tutta l’area donatrice. L’esito del prelievo della strip è abitualmente una sottilissima cicatrice della larghezza di meno di 1 mm, che può essere mascherata anche sotto i capelli molto corti e che potrà essere riutilizzata per ulteriori prelievi di successivi interventi, rimanendo abitualmente ugualmente sottile. Con questa tecnica di micro-autotrapianto è possibile separare i capelli da trapiantare anche uno ad uno per effettuare il cosiddetto "trapianto monobulbare". La procedura si realizza avvalendosi del prezioso aiuto di sistemi di ingrandimento (che possono essere particolari tipi di microscopi o idonei occhiali dotati di binocolini ingrandenti), riducendo in tal modo il traumatismo dei follicoli da reimpiantare. Infatti, se è importante prelevare il maggior numero di unità follicolari, è altrettanto importante che attecchiscano in elevata percentuale. La creazione di unità follicolari molto piccole consente al chirurgo di creare attaccature di capelli naturali, senza l’antiestetico "effetto bambola" che era caratteristico dei trapianti del passato.



Pulsante Richiedi Appuntamento

Pulsante Richiedi Informazioni




Le singole unità follicolari vengono dunque collocate nelle zone affette da diradamento o calvizie, dopo aver praticato delle incisione in cui saranno alloggiate, secondo modalità sia tecniche che estetiche. È a discrezione del chirurgo deciderne la collocazione sul cuoio capelluto, solitamente impiegando quelle singole per la prima linea, al fine di dare "naturalezza", e quelle multiple nelle aree retrostanti con lo scopo di dare maggior "copertura". Oltre a ridurre al minimo, come si è detto, il traumatismo dell’estrazione delle unità follicolari, un altro vantaggio della tecnica Ultra Refined FUHT è quello, in mani esperte, di ridurre i tempi tra espianto e reimpianto; infatti, più brevi sono questi tempi, maggiore è la percentuale di attecchimento. I trapianti aderiranno, nella loro sede, mediante la formazione di un piccolo coagulo. Seguirà la medicazione sia dell’area donatrice sia di quella ricevente e il paziente verrà quindi dimesso con le istruzioni post operatorie e le indicazioni dei farmaci da assumere (un antibiotico e un antiinfiammatorio). Il giorno successivo, verrà effettuato il primo lavaggio con opportuna pulizia e disinfezione. È da tener presente che potrebbero rendersi necessari più interventi, per raggiungere un risultato ottimale: questo dipende sia dal grado di calvizie che il paziente presenta al momento dell’intervento, sia dall’avanzare della calvizie stessa nel tempo.

La tecnica Ultra Refined FUHT è una tecnica estremamente precisa e raffinata, con cui si possono avere percentuali elevatissime di attecchimento dei capelli trapiantati.

Inoltre è un metodo:

  • sicuro, senza nessun problema di rigetto o di intolleranza, anche a distanza di tempo, poiché si utilizzano solo i propri capelli;
  • affidabile, effettuandosi ogni anno nel mondo oltre 200.000 sedute di autotrapianto di capelli (stima ISHRS);
  • flessibile, in quanto adatto sia per gli uomini che per le donne, dai piccoli diradamenti alle calvizie estese;
  • discreto, grazie ad una ricrescita graduale dai 3 mesi dopo la seduta ai 10-12 mesi;
  • pratico, in giornata, senza ricoveri, nessuna fasciatura, e con ritorno velocissimo alle normali attività
  • graduale, programmando l'infoltimento in più sedute;
  • durevole poiché, se correttamente eseguito, garantisce un risultato stabile fino a tarda età.



Elemento grafico

 

Alcune domande sul trapianto di capelli 

Quando, dopo l’intervento, possono essere lavati i capelli?
Il primo shampoo potrà essere effettuato presso gli ambulatori Tricomedit il secondo giorno dopo l’intervento, contestualmente ad un primo controllo, e potrà poi essere ripetuto per i successivi 15 giorni anche al proprio domicilio con un detergente idoneo ad azione antibatterica. In seguito si potranno riprendere i lavaggi con lo shampoo desiderato, purché delicato per cute e capelli.
Cosa succede dopo l'intervento sulla parte operata?
Al termine dell’intervento, non occorrono solitamente bendaggi né fasciature. Dopo l’intervento, laddove sono state inserite le unità follicolari, si formeranno minuscole crosticine. A cicatrizzazione avvenuta, le crosticine cadranno, talvolta portando con sé i capelli in esse inglobati: in tal caso non bisognerà preoccuparsi perché, rimanendo internamente il follicolo, i nuovi capelli cominceranno a essere visibili dopo circa due mesi e a crescere poi normalmente. I punti di sutura dell’area donatrice verranno rimossi dopo circa 10 giorni dall’intervento.
Ci può essere rigetto dei capelli trapiantati?
Assolutamente no: i capelli trapiantati provengono dallo stesso paziente e come tali sono riconosciuti dall’organismo.
Quanto dura un intervento di autotrapianto di capelli?
L’intervento richiede solitamente da 3 a 5 ore.
Quanto tempo è necessario attendere prima di effettuare una nuova seduta?
La distanza che si consiglia tra una seduta e l’altra è di almeno sei mesi.
Quali sono le controindicazioni di un trapianto di capelli?
Escludendo gravi malattie o importanti problemi di salute, non esistono controindicazioni particolari all’autotrapianto di capelli. In ogni caso, così come per ogni altro intervento chirurgico, prima della seduta vengono eseguiti specifici esami del sangue, delle urine e cardiaci.
I capelli trapiantati crescono come gli altri?
I follicoli piliferi trapiantati cominceranno a produrre i nuovi capelli intorno alla dodicesima settimana dall'intervento, ma non è escluso che possano ricrescere con lieve anticipo o posticipo. La crescita proseguirà con il ritmo e modalità simili alla loro sede di origine (circa 1-1,5 cm al mese). Il paziente potrà quindi scegliere a quale lunghezza portarli e come accorciarli.
Quanto costa un trapianto di capelli?
Il costo di un trapianto di capelli varia in base all’ampiezza della zona da infoltire e alla quantità dei capelli che si possono prelevare dalla regione donatrice.
 
Compila il form ed inviaci la tua richiesta
Tutti i campi sono obbligatori
 
Whatsapp